Giuria e Premi

La Giuria della settima edizione di Detour è composta dall’attrice, cantante e sceneggiatrice francese Nabiha Akkari, dallo scrittore Romolo Bugaro e dal direttore della fotografia Alessandro Pesci. La Giuria sarà chiamata valutare i film del Concorso Internazionale, e ad assegnare due premi: il Premio per il Miglior Film per la migliore opera in Concorso, e il Premio Speciale per il film che meglio avrà saputo interpretare l’idea del viaggio.

Nabiha Akkari (Villecresnes, 1985) è un’attrice, cantante e sceneggiatrice francese. Parla fluentemente cinque lingue: francese, inglese, italiano, spagnolo e arabo. Conosciuta dal pubblico italiano grazie all’interpretazione della coprotagonista Farah accanto a Checco Zalone in Che bella giornata, nel 2017 ha recitato in Happy End, l’ultimo film di Michael Haneke. L’anno successivo lavora col regista Mikhaël Hers recitando in Amanda, presentato alla Mostra del Cinema di Venezia. Negli ultimi anni all’attività di attrice ha affiancato il lavoro di sceneggiatrice. Nel 2018 debutta alla regia con il cortometraggio Ada.

Romolo Bugaro (Padova, 1962) è scrittore e avvocato. Il suo esordio letterario risale al 1993, quando pubblica una raccolta di racconti intitolata Indianapolis. Nel 1998 il suo primo romanzo, La buona e brava gente della nazione, è finalista al Premio Campiello. Dal 2000 inizia a pubblicare con Rizzoli e nel 2007 Il labirinto delle passioni perdute viene nuovamente selezionato tra i finalisti del prestigioso premio letterario. Il suo ultimo romanzo, Effetto domino, è stato edito da Einaudi nel 2015.

Alessandro Pesci (Roma, 1960) è uno dei nomi più importanti della fotografia cinematografica italiana. Ha al suo attivo un numero altissimo di pellicole e ha stretto sodalizi con gli autori più importanti del nostro cinema: Antonello Grimaldi (Asini, Caos calmo), Daniele Luchetti (Il portaborse), Paolo Virzì (Baci e abbracci, N – Io e Napoleone) e Carlo Mazzacurati (La lingua del santo, A cavallo della tigre). Ha vinto nel 2011 il Nastro d’Argento alla migliore fotografia per Habemus Papam di Nanni Moretti.

Pin It on Pinterest