MASCHERE DI CELLULOIDE

Maschere di celluloide di King Vidor è un film muto in bianco e nero che verrà proiettato al Teatro Verdi sabato 7 ottobre a seguito della cerimonia di premiazione del film vincitore della sesta edizione di Detour. La pellicola sarà musicata dal vivo dalla Zerorchestra, diretta da Gunter Buchwald, tra i più conosciuti e apprezzati direttori d’orchestra per il cinema muto. Zerorchestra è nata nel 1995 su iniziativa di Cinemazero in occasione del centenario della nascita del cinema.

Maschere di celluloide narra la vicenda di Peggy Pepper, interpretata dalla straordinaria Marion Davies, una ragazza di provincia che arriva a Hollywood decisa a sfondare come attrice. Con l’aiuto di un collega ottiene piccole parti comiche, ma aspira a grandi ruoli drammatici e rischia di rovinarsi sposando un fasullo nobile francese. La scalata per il successo non è semplice come si potrebbe immaginare.

Il film, girato nel 1928 da King Vidor, costituisce uno dei massimi vertici della commedia brillante americana degli anni Venti ed è una parodia comica, lucida e disincantata della Hollywood di allora. Tra i diversi interpreti troviamo una parata di celebrità dell’epoca tra cui Charlie Chaplin, Norma Talmadge e Douglas Fairbanks.

King Vidor (1894) è stato regista, sceneggiatore e produttore cinematografico statunitense, nato a Galveston (Texas) e morto a Paso Robles (California) nel 1982. Tra i maggiori registi del suo Paese tra la metà degli anni Venti e la metà degli anni Trenta, quando realizzò impegnativi film di denuncia sociale. La sua fama è legata a una trilogia indipendente e personale: La folla (1928), Alleluja! (1929) e Nostro pane quotidiano (1934).



Pin It on Pinterest